Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Martedì, 10 Luglio 2018 12:35

A VILLA GUGLIELMI IN SCENA "IL MARCHESE DEL GRILLO"

Dopo Forza Venite Gente, Mamma mia! e Footloose, puntuale, per l’estate di Fiumicino, arriva infatti una nuova proposta teatrale della Compagnia amatoriale della Pro Loco di Fiumicino-Sezione Spettacolo, “I ProLoquaci”: la Commedia popolare, in due atti, liberamente ispirata alla prova teatrale interpretata da Enrico Montesano ed al film del 1981, di Mario Monicelli, con protagonista il personaggio - il Marchese Onofrio del Grillo – reso celebre dall’interpretazione di Alberto Sordi.

Andrà in scena rispettivamente mercoledi 11 e giovedi 12 luglio (ore 21, ingresso libero) nella Corte della Biblioteca di Villa Guglielmi a Fiumicino.

In scena 25 attori, dei quali 12 ballerini; protagoniste anche le musiche della Roma ottocentesca create dalla maestria di Nicola Piilmarcheseovani ed Armando Trovajoli.

Nasce come opera di puro intrattenimento teatrale in cui i continui giochi di battute e situazioni paradossali condite da un abbondante dialetto romanesco, ne scandiscono la comicità. Ruolo del protagonista - il Marchese Onofrio del Grillo - è quello di denunciare alcune problematiche sociali dell'epoca a lui care, senza però rinunciare ai propri vizi e, soprattutto, sempre in grado di cavarsela brillantemente dai guai.
Aristocratico, satirico e oligarca convinto, il marchese del grillo, amante dello scherzo e della burla, indossa diverse maschere popolari romane lasciando comunque trapelare uno spiraglio di malinconia dettato dai continui contrasti tra i suoi sentimenti umani e l'amore per l'ozio.
Accanto alla figura del Marchese numerosi sono i personaggi, anche comici, che richiamano alla romanità papalina e popolare: Papa Pio VII, Aronne Piperno, Don Bastiano, Annida, Faustina.